Loading...

La fisarmonica

La fisarmonica è quello strumento musicale che, se suonato alla meno peggio, risulta fastidioso più di altri strumenti. Più di un pianoforte o un flauto, per dire.

E non ritengo di esagerare affermando che, nel caso venga mal suonata, trituri i timpani e sfinisca l’anima.

Ma se toccata a dovere, da un artista della musica per esempio, suoni armoniosi e limpidi ammorbidiscono la vita.

Poi, questo strumento è bello guardarlo da vicino; i tasti sono come lampioni ai margini della strada, come le vetrine dei negozietti sulla 50esima, e il suono si spinge in fuori e poi in dentro, in dentro e poi di nuovo in fuori, come un immenso cuore pulsante.

Respira, ingoia l’aria, la sputa fuori, singhiozza. Se si ascolta bene, dentro alla sua cassa c’è il traffico di una città immensa e vibrante, il chiacchiericcio della folla, una strada lunghissima che decolla dentro all’orizzonte.

Sembra fatta di grattacieli, questa fisarmonica.

Anche New York, se non sai suonarla, fa imbizzarrire i sensi. Ma se sai spingere i tasti giusti, è un meraviglioso strumento nelle tue mani.

Proprio New York, come una fisarmonica.



Thomas Struth, Sixth Avenue at 50th Street New York

No Comments

Leave a Reply